^

QUARTI COPPA ITALIA: LATINA KO, SABATO IN SEMIFINALE CON MODENA

Nel Santo Stefano pallavolistico che ha acceso i riflettori del Palasport Fontescodella sui quarti di finale della "Del Monte" Coppa Italia, la Cucine Lube Banca Marche batte l'Andreoli Latina in tre set (25-18, 25-20, 25-23) staccando il biglietto per la final four della manifestazione, che si terrà nel fine settimana al Forum di Assago. Sabato i campioni d'Italia saranno in campo per la seconda semifinale, alle 18.30, contro Casa Modena che sempre stasera ha avuto la meglio al tie break in casa della Copra Piacenza, rimontando dallo 0-2. Gara dominata quella dei biancorossi di Alberto Giuliani, che nel parziale d’apertura sfruttano due errori consecutivi dei pontini (prima spara out Troy, in campo al posto dell’acciaccato Jarosz, e poi Cisolla, titolare in posto 4 con Rauwerdink) per piazzare già in avvio un break (5-2) via via sempre più sostanzioso grazie al gran lavoro del muro-difesa dei maceratesi, utile per consentire ad un ispiratissimo Travica di innescare in maniera concreta (la Lube schiaccia col 70% di efficienza) i contrattacchi di Starovic (5 punti, 57%) e Zaytsev (4 punti, 100%). Il secondo muro di fila dell’imperioso Podrascanin (4 punti, 100% in attacco e 2 muri) fissa il 19-12 chiudendo di fatto il set con largo anticipo, tanto da vanificare ogni mossa del tecnico ospite Prandi che pesca a piene mani dalla panchina per provare a raddrizzare la situazione. Finisce 25-18. Le cose non cambiano di molto nel secondo set, in cui l’Andreoli riesce a tener testa ai campioni d’Italia solo fino a quota 13. Poi sono nuovamente gli errori degli uomini di Prandi (solo 30% in attacco) ed il muro (6 vincenti) a lanciare la fuga dei biancorossi, avanti 17-14 dopo un errore di Rauwerdink ed un punto di Travica, bravo a capitalizzare l’ennesimo numero da applausi di Henno e Parodi in seconda linea (75% per entrambi in ricezione su un totale di 16 palloni). Da qui in poi è tutta in discesa la strada della Cucine Lube Banca Marche, inarrestabile pure quando l’allenatore ospite torna a mescolare le sue pedine in campo, con gli inserimenti di Fragkos e Noda Blanco. E’ un muro di Stankovic su Gitto (il serbo, autore di tre blocchi vincenti nel parziale, ha recuperato dalla lieve distorsione rimediata domenica scorsa con San Giustino ed era regolarmente in campo dall’inizio) a scrivere il 20-15 che stende definitivamente le velleità degli ospiti. Chiuderà Podrascanin sul 25-20, lasciando spazio nel terzo set agli ulteriori applausi del pienone del Fontescodella per la squadra di Giuliani, capace di difese straordinarie, forte di un cambio palla regolarissimo, ma soprattutto invalicabile a muro. Sono ancora due blocchi vincenti (saranno 12 in totale), rispettivamente di Travica (superlativo) e Starovic (Mvp e autore 15 punti col 52% in attacco), a dare il via alla fuga dei cucinieri (12-8), che trascinati da Zaytsev e Parodi (10 punti a testa, 62% per il primo e 57% per il secondo) quando Latina prova a dire la sua come mai prima era riuscita a fare (spazio a Gitto al centro, 3 punti col 100% per lui, poi a Fragkos ed al positivo Noda Blanco, 6 punti, per la diagonale di posto 4: arriva fino al 23-24), volano alla final four forti di una prestazione convincente sotto ogni punto di vista. Il tabellino CUCINE LUBE BANCA MARCHE: Lampariello n.e., Pajenk n.e., Zaytsev 10, Parodi 10, Stankovic 8, Monopoli n.e., Henno (L), Travica 6, Randazzo n.e., Starovic 15, Kooy n.e., Podrascanin 8. All. Giuliani. ANDREOLI LATINA: Rauwerdink 1, Rossini (L), Gitto 6, Sottile 1, Jarosz n.e., Patriarca 3, Verhees 2, Prandi M. (L2), Troy 17, Nada Blanco 8, Cisolla 5, Fragkos 2, Guemart n.e.. All. Prandi. ARBITRI: Saltalippi (PG) - Vagni (PG). PARZIALI: 25-18 (23’), 25-20 (27’), 25-23 (29'). NOTE: Spettatori 2017, incasso 10340. Lube bs 10, ace 1, muri 12, errori 5, ricezione 65% (48% prf), attacco 58%. Latina bs 10, ace 2, muri 1, errori 6, ricezione 56% (42% prf), attacco 41%.

LUBE+

Blum

Wooden door processing

Lube Environment

Lube is Service

Anti-bacterial and eco-friendly surfaces

Research and Innovation

Tailoring

UltraClean and MicroStop

Use and Maintenance