^

FENERBAHCE AL TAPPETO, LUBE AVANTI TUTTA IN EUROPA

Lube Banca Marche inarrestabile anche in Europa. I biancorossi battono il Fenerbahce Istanbul 3-0 conquistando l’undicesima vittoria consecutiva in stagione, che regala l’aritmetica qualificazione ai Playoffs 12 della 2012 CEV Volleyball Champions League con una giornata di anticipo, mantenendo il primo posto nel proprio girone. Una leadership importante per i successivi accoppiamenti della seconda fase, e che con tutta probabilità si deciderà comunque in maniera definitiva la prossima settimana, nell’ultima gara di Main Phase che capitan Omrcen e compagni giocheranno a Novosibirsk, contro il Lokomotiv impegnato domani contro il fanalino di coda Hypo Tirol. I biancorossi, che ritrovano Parodi dall’inizio (chiuderà con il titolo di top scorer biancorosso: 15 punti, 62% in attacco, 2 muri, 68% in ricezione)dopo due gare di riposo per un problema ai pettorali (resta invece in stand by Stankovic, a favore di Pajenk), iniziano la gara con il piglio giusto, sfoderando una grande efficienza nel muro-difesa (subito due vincenti su Miljkovic, 3 totali) accompagnata da una granitica concretezza in attacco, specie sulle bande dove Omrcen e Savani passano con regolarità sia in occasione del cambio palla, che delle ricostruzioni impostate da Travica. Maceratesi avanti 16-10 al secondo time out tecnico, i turchi orfani di Marshall (problema al ginocchio, è rimasto a Istanbul) si affidano quasi esclusivamente all’ex (applauditissimo ad inizio gara) Ivan Miljkovic per provare ad invertire la rotta (14 attacchi sui 31 complessivi, 42% di efficacia), ma la reazione produce soltanto un -3 (19-22) che la squadra di Giuliani riesce a controllare senza problemi di sorta. Chiude Omrcen sul 25-21, autore nel parziale di 5 punti alla pari di Savani e Parodi. Decisamente equilibrato invece il secondo set, che scorre sul binario del punto a punto fino all’ace di Alen Pajenk, che regala ai biancorossi un break a ridosso del rush finale (21-19). Il Fenerahce prova a ricucire lo strappo forzando la battuta e sbagliando, prima con Miljkovic e poi con Cosckovic, per contro, i maceratesi allungano ulteriormente con un ace di Savani, per poi chiudere con il solito Omrcen (chiuderà la gara con 12 punti), sfruttando una strepitosa difesa di Exiga. Avanti due set a zero (dunque con la qualificazione già in tasca), nel terzoi parziale la Lube Banca Marche si ritrova per la prima volta a dover inseguire l’avversario. Il Fenerbahce trova una buona efficacia al servizio procurando non pochi grattacapi alla seconda linea di casa. Sul 6-9 Alberto Giuliani gioca la carta Kovar al posto di Savani, la parità arriva a quota 15 con un muro vincente di Travica che convince l’allenatore ospite Castellani a fermare il gioco con un time out. Un errore in attacco di Miljkovic regala ai cucinieri il 23-21, Macerata si fa però annullare due match ball sul 24-22, e deve aspettare il mani out vincente del positivissimo Jiri Kovar (100% di positività su tre attacchi e un muro) per far partire il meritato urlo liberatorio della vittoria.

LUBE+

Blum

Travail sur portes en bois

Environnement Lube

Le service Lube

Plans antibactériens et écologiques

Recherche et innovation

Sur mesure

UltraClean et MicroStop

Utilisation et Entretien