^

VERONA CEDE AL TIE BREAK, LUBE SECONDA. SABATO I PLAY OFF

Alla fine è festa per tutti: Verona può alzare le braccia al cielo già sul 2-2, per il punto che vale la salvezza, la Lube Banca Marche deve invece attendere la vittoria del tie break per chiudere definitivamente in cassaforte il secondo posto in Regular Season. Le due squadre si ritroveranno ora di fronte nei quarti dei play off: sabato prossimo alle 18.00, sarà infatti di nuovo Macerata-Verona al Palasport Fontescodella, prima partita del girone che comprende anche Monza. La partita Inizio di partita tra la commozione generale per il ricordo di Vigor Bovolenta: squadre e rispettivi staff in campo con una speciale t-shirt dedicata al centralone veneto scomparso prematuramente sette giorni fa proprio a Macerata, il pubblico del Fontescodella applaude tutto in piedi. C’è il debutto assoluto di Sasa Starovic sulla panchina della Lube Banca Marche (il serbo rientra dopo l’infortunio al ginocchio rimediato alla prima giornata di campionato, nel settembre scorso, quando giocava con San Giustino), che lascia in tribuna il convalescente Kovar (distorsione alla caviglia) schierando in posto quattro la diagonale Parodi-Savani. L’avvio di gara è caratterizzato dalle cartucce bagnate su entrambi i fronti, con i padroni di casa che si appoggiano soprattutto sulla buona vena dei due centrali serbi per provare a staccare gli avversari (2 ace per Stankovic e uno per Podrascanin, presente anche a muro, tutti validi per conquistare break momentanei), e la squadra di Bagnoli che invece fa leva soprattutto sugli attacchi di Patriarca (5 punti, 83%) e Kromm (5 punti, 57%) per tenere botta. Ci riesce benissimo, tanto poi da trovare nonostante i 9 errori punto la zampata vincente nel finale, che vede il falloso Omrcen lasciare il posto a Van Walle. Zingel firma l’ace della parità a quota 21, il 25-23 arriva invece con un muro di Gasperini su Savani. Gli scaligeri partono col piglio giusto nel secondo parziale (8-5), in cui una Lube Banca Marche sorprendentemente impacciata prima inserisce Lampariello per Parodi (tornerà sul 20-21), poi anche Monopoli per Travica (sul 12-14). Verona, che fa registrare ottime percentuali d’attacco (5 punti e 80% per Kromm, 6 punti e 67% per Gasperini)arriva a conquistare il +3 con un ace di Popp (18-15), vanificato però da un errore cui fa seguito una battuta vincente di Savani (18 pari, 5 punti per lui), preziosissimo anche in difesa. Il testa a testa finale è deciso dal turno in battuta di Omrcen (3 ace nel set), e da due errori di Popp. Monopoli in regia per la Lube anche nel terzo set (sarà l'Mvp finale), che mette in vetrina un Omrcen in versione trascinatore anche in attacco (8 punti con l’88% di efficacia), oltre che dalla linea dei nove metri. Il bomber croato e Savani (col muro, oltre che col 67% sulle schiacciate), regalano alla squadra cuciniera un enorme gap che chiude ogni discorso relativo al set già al secondo time out tecnico. Nel finale, sul palcoscenico sale invece Marko Podrascanin: è lui (5 punti, 75% in attacco e due muri) ad infierire su di una Marmi Lanza tradita dalla ricezione (45% col 25% i perfette) prima ancora che dall’attacco, fondamentale in cui si tiene a galla il solo Gasperini (6 punti, 67%). Chiude Parodi con l’ace del 25-15, passivo che però non scoraggia affatto gli scaligeri. Trascinati da Kromm (7 punti col 60%), nel quarto set si fanno riprendere solo a quota 23 da un muro di Stankovic, ma poi chiudono con un contrattacco vincente ancora del tedesco (25-23), che vale il punto della salvezza. La pressione passa dunque tutta dalla parte dei padroni di casa, che devono sudare anche nel tie break, per avere la meglio di una Verona rinnovatissima nel sestetto messo in campo da Bagnoli. Un attacco out di Kosmina manda sul 12-10 i maceratesi, che poi chiudono 15-11 con Podrascanin. Il tabellino LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Lampariello, Savani 18, Exiga (L), Parodi 10, Stankovic 10, Monopoli 2, Van Walle, Travica, Omrcen 21, Podrascanin 16. Non entrati Pajenk, Starovic. All. Giuliani. MARMI LANZA VERONA: Popp 10, Kosmina 3, Ter Horst 2, Calderan, Meoni, Smerilli (L), Patriarca 13, Zingel 6, Casarin 1, Kromm 17, Postiglioni, Gasparini 19. All. Bagnoli. ARBITRI: Cesare, Rapisarda. NOTE - Spettatori 2000, incasso 9000, durata set: 29', 29', 23', 30', 13'; tot: 124'.

LUBE+

Blum

Wooden door processing

Lube Environment

Research and Innovation

Tailoring

Use and Maintenance

È necessario aggiornare il browser

Il tuo browser non è supportato, esegui l'aggiornamento.

Di seguito i link ai browser supportati

Se persistono delle difficoltà, contatta l'Amministratore di questo sito.

digital agency greenbubble