^

CUNEO AL TAPPETO, LUBE ARITMETICAMENTE SECONDA

Il secondo posto è definitivamente della Cucine Lube Banca Marche Macerata. I campioni d'Italia tornano alla vittoria sconfiggendo 3-1 (26-24, 21-25, 25-22, 25-22) la Bre Banca Lannutti Cuneo davanti all'ennesimo tutto esaurito del Fontescodella, guadagnandosi con una giornata d'anticipo l'aritmetica certezza di partire avanti 1-0 sia nei quarti di finale dei play off, che nell'eventuale serie di semifinale. Una domenica da incorniciare, insomma, per la squadra di Alberto Giuliani, anche perché tra le belle notizie può annoverare quella relativa al ritorno di Jiri Kovar, di nuovo sul Mondoflex (entra per la prima volta sul 22-20 del primo set, ma sarà utilizzato in ogni parziale) a distanza di cinque mesi dall'infortunio al ginocchio che lo ha costretto ad operarsi e svolgere una lunghissima riabilitazione. La partita? Non sono mancati gli assenti eccellenti: sulla sponda piemontese Ngapeth, infortunatosi alla vigilia (Piazza inserisce Rossi al centro, con Antonov e Wijsmans schiacciatori e Sokolov opposto), su quella maceratese Parodi, lasciato nuovamente a riposo per il problema muscolare agli addominali, senza però rinunciare al modulo con tre schiacciatori. Giuliani torna infatti a proporre Zaytsev nelle vesti di opposto-ricevitore, con Kooy a formare la diagonale di posto 4 insieme a Savani. Parziale d’apertura che vede i padroni di casa prendere subito in mano la situazione trascinati da una grande Zaytsev (8 punti, 54% in attacco). Il bomber con la cresta dai nove metri regala ai suoi due break apparentemente sufficienti per mettere al sicuro la vittoria del set (15-11 con un ace e un contrattacco vincente, poi 21-16 dopo un muro vincente di Stankovic su Wijsmans, che nell’azione successiva spara out), che invece torna decisamente in bilico quando Piazza pesca dal mazzo Abdelaziz per il servizio. L’olandesino firma due ace portando Cuneo sul 20-22 e convincendo Giuliani, che in precedenza aveva già utilizzato Lampariello per la ricezione (per Savani) a mettere in campo pure il rientrante Kovar, al posto di Kooy che fa registrare un ottimo 80% in attacco (4 punti). I piemontesi trovano quindi la parità proprio a quota 24, dopo aver annullato (con Sokolov) due match point ai campioni d’Italia. Che nel nuovo testa a testa, chiudono comunque ogni discorso firmando subito il 26-24 finale con una battuta vincente di Savani. La Bre Banca reagisce nel secondo set trovando subito buone risposte dal servizio (4 vincenti), che oltre a procurare punti diretti induce spesso i biancorossi all’errore in attacco (3) sulle palle scontate (12-8). In campo si assiste momentaneamente ad un vero e proprio monologo degli uomini di Piazza, grazie anche alla buona efficacia del muro che prima con Sokolov (ferma Kooy) e poi con Rossi (su Zaytsev) consente di allungare addirittura sul 19-13. La reazione Lube c’è, ed arriva con un blocco vincente di Podrascanin seguita da un contrattacco di Savani (19-21). Ma a spegnere ogni velleità dei cucinieri, che nel finale ripropongono ancora Kovar in seconda linea, ci pensa con un ace Wijsmans (23-19, per lui 4 punti col 75% in attacco), prima di lasciare il posto a Della Lunga. Chiude un muro di Rossi sul 25-21. Il terzo set è di nuovo un braccio di ferro tra le due squadre, con Zaytsev (Mvp con 29 punti, 55% in attacco, 1 muro e 2 ace)che torna a vestire i panni dell’infermabile nella metà campo di casa (altri 8 punti, 73% in attacco). Sono dell’ex Roma i contrattacchi che valgono +3 per la Cucine Lube Banca Marche (11-8), che continua ad affidarsi puntualmente a lui e Kooy (4 punti) sulle rigiocate. E’ comunque un muro di Stankovic sulla pipe di Wijsmans a segnare il massimo vantaggio sul 17-12, un gap che Travica e compagni, sostenuti dal gran lavoro in seconda linea di Henno, vedono però esaurirsi nel finale. Un ace di Wijsmans riporta infatti Cuneo a -1 (20-21), ci vuole allora un muro di Kooy su Sokolov (23-20) per rimettere tutto sul binario della tranquillità in casa maceratese. Travica firma il 24-21, Zaytsev il decisivo 25-22. Che regala ulteriore fiducia alla squadra di Giuliani, brava nel quarto parziale a spezzare un lungo testa a testa trovando la zampata decisiva con un muro del solito Zaytsev, su Wijsmans (20-18), seguita da un attacco out si Sokolov. C’è spazio anche per una gran ricezione di Kovar sulla bordata del bulgaro (sul 21-19) e per un muro di Savani (sul 22-21) che vale, questo si, il secondo posto per i campioni d’Italia. Il tabellino CUCINE LUBE BANCA MARCHE: Lampariello, Pajenk n.e., Savani 12, Zaytsev 29, Stankovic 7, Kovar, Monopoli, Henno (L), Travica 2, Starovic n.e., Kooy 14, Podrascanin 7. All. Giuliani. BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Antonov 11, Marchisio n.e., De Pandis (L), Galliani n.e., Wijsmans 16, Kohut 5, Grbic 2, Della Lunga, Sokolov 22, Abdelaziz 1, Rossi 8. All. Piazza. ARBITRI: Rapisarda (UD) - Santi (PG). PARZIALI: 26-24 (29’), 21-25 (27’), 25-22 (29’), 25-22 (31'). NOTE: Spettatori 2370, incasso 12940 Euro. Lube bs 19, ace 3, muri 10, errori 7, ricezione 59% (34%prf), attacco 51%. Cuneo bs 21, ace 8, muri 13, errori 5, ricezione 51% (27%prf), attacco 45%.

LUBE+

Blum

Wooden door processing

Lube Environment

Research and Innovation

Tailoring

Use and Maintenance

È necessario aggiornare il browser

Il tuo browser non è supportato, esegui l'aggiornamento.

Di seguito i link ai browser supportati

Se persistono delle difficoltà, contatta l'Amministratore di questo sito.

digital agency greenbubble