^

SCHIACCIATA LATINA, LA LUBE SI RIPRENDE IL SECONDO POSTO

La Lube Banca Marche allunga la striscia di vittorie dopo l’exploit di Modena registrato nella precedente giornata, conquistando contro l’Andreoli Latina un bel 3-1 ed i tre punti utili a riprendersi il secondo posto in graduatoria, in virtù della contemporanea sconfitta di Cuneo in casa della Sisley. Primo set tutto in discesa per i padroni di casa, che lasciano a riposo Savani (tornati i fastidi al gomito) proponendo in posto 4 Kovar in diagonale con Parodi. Macerata forza con successo il proprio servizio (3 vincenti, quello di Parodi scrive la fuga decisiva sul 18-3), tocca tantissimi palloni a muro (5 vincenti) ed è piuttosto regolare nel cambio palla come nelle ricostruzioni, con Travica (in gran serata) che può servire indistintamente, e con successo, tutte le bocche di fuoco a sua disposizione(4 punti a testa per Kovar, Parodi e Podrascanin). Dall’altra parte invece una Latina molto fallosa in battuta (5 errori) e troppo aggrappata a Jarosz per ciò che riguarda le soluzioni d’attacco (per il polacco 6 punti col 60%). Sotto 13-19 Silvano Prandi prova a scuotere i suoi gettando nella mischia Diachkov e Troy, ma la Lube Banca Marche non fa sconti e nel finale fa salire sul palcoscenico il serbo Stankovic, per chiudere sul 25-16. Decisamente più equilibrato il secondo parziale, con i pontini bravi prima a ricucire lo strappo incassato in avvio, e poi a piazzare il break trascinata dal solito Jarosz (ace del 20-18, 7 punti), da ottime difese e dai servizi di Diachkov (ace del 23-19). Macerata, che aveva richiamato in panca Omrcen per Van Walle, prova a reagire con il turno in battuta di Podrascanin (un ace, 21-23, e 100% in attacco con due muri) ma si ferma a quota 21 consegnando il punto numero 25 agli avversari con un attacco out proprio dell’opposto belga. Torna in campo Omrcen nel terzo set, e dopo un testa a testa prolungato è proprio un muro del croato sulla pipe di Rivera a regalare la sterzata vincente ai cucinieri (21-18). Che poi chiudono sul 25-19 ancora col il bomber di posto 2 protagonista (ace e successivo contrattacco vincente, 6 punti), facendo registrare un ottimo 67% di squadra nell’efficacia in attacco, con i centrali al 100%. E Podrascanin, che si guadagnerà la palma del Mvp terminando la gara con percentuali mostruose (16 punti, 89% in attacco, 5 muri e 3 ace) è assoluto protagonista anche nel parziale di chiusura, nel quale spiana ai suoi la strada dei tre punti con il muro del 10-7 ed un ottimo turno al servizio (ace del 14-10) che consente alla squadra di Giuliani di allungare in maniera decisiva (16-10) dopo una disattenzione della panchina pontina, pasticciona sui cambi costringendo il suo sestetto a giocare un’azione di cambio palla senza un palleggiatore di ruolo. Il tabellino LUBE BANCA MARCHE: Lampariello n.e., Pajenk n.e., Savani n.e., Eixiga (L), Parodi 17, Stankovic 12, Kovar 12, Monopoli, Van Walle 2, Travica 4, Omrcen 10, Podrascanin 16. All. Giuliani. ANDREOLI LATINA: Rivera 8, Gitto 6, Sottile 3, Jarosz 16, De Pandis (L), Guemart, Tailli, Troy 1, Galabinov n.e., Diachkov 11, Cester 10, Fragkos 2. All. Prandi. ARBITRI: Cerquoni (PV) – Satanassi (RA). PARZIALI: 25-16 (22’), 21-25 (26’), 25-19 (25’), 25-18 (24’). NOTE: Spettatori 1830, incasso 7420. Lube bs 16, ace 7, muri 14, errori 5, ricezione 55% (34% prf), attacco 56%. Latina bs 15, ace 4, muri 7, errori 8, ricezione 41% (22% prf), attacco 43%.

LUBE+

Blum

Ejecuciones de puertas de madera

Lube Environment

Lube es servicio

Encimeras antibacterianas y ecológicas

Investigación e innovación

Trabajos a medida

UltraClean y MicroStop

Uso y Mantenimiento