^

Sorriso Lube anche in Europa: Fenerbahce battuto 3-1

Missione compiuta per la Cucine Lube Civitanova nella terza giornata della Pool A di Champions League: Fenerbahce Istanbul battuto 3-1 all’Eurosuole Forum e seconda vittoria in archivio per Stankovic e compagni che raggiungono Perugia a quota 7 punti in classifica ma restano secondi con 2 successi contro 3 (in campo europeo contano prima le vittorie poi il punteggio).

Netta la superiorità dei cucinieri nella gara odierna, il Fenerbahce riesce a mettere i bastoni tra le ruote della Lube soltanto sfruttando gli errori dei biancorossi nel primo set e il calo di tensione del terzo. Nel resto della gara non c’è partita: nel secondo set e quarto set i cucinieri aggiustano il servizio (ben 12 ace a fine gara) limitando gli errori dai nove metri e la differenza tra le due formazioni viene fuori nettamente: la Lube è determinata in ogni fondamentale (64% in attacco contro 41%) per chiudere la pratica e i turchi aiutano nel compito commettendo molti errori.

Top scorer e MVP Sander, con 19 punti e 3 ace (70% in attacco), Cester chiude con il 100% in attacco e ben 5 ace, super Stankovic a muro con 6 punti messi a segno nel fondamentale.

La partita

Non c’è Juantorena nel sestetto di partenza Lube, in campo Sander-Kovar, per il resto confermati Christenson-Sokolov in diagonale e Stankovic-Cester al centro, Grebennikov libero. Basic si affida ai martelli vecchie conoscenze del campionato italiano Quesque-Sket.

L’inizio è in equilibrio: la Lube si affida molto ai suoi centrali in avvio di gara (Cester 100% in attacco ed ace dell’8-7) ma il Fenerbahce regge l’impatto con i campioni d’Italia con gli attacchi di Sket e il muro (Tekeli per l’8-9 e Quesque per l’11-13). La battuta dei biancorossi è fallosa (ben 9 errori a fine parziale) e i turchi ne approfittano arrivando anche al +3 con l’ace dell’opposto Toy (12-15), vantaggio che il Fenerbahce tiene fino al 15-18. E’ la svolta del set: sul turno al servizio di Sander, Sokolov (6 punti, 71% in attacco) e Kovar in attacco, e Stankovic a muro, prendono per mano i cucinieri e piazzano un maxi break di 8-1 portando la Lube sul 23-19. A chiudere il set ci pensa un attacco del gigante bulgaro (25-22). Netta la differenza in attacco, 72% Lube contro il 35% dei turchi, tenuti a galla solo dagli errori in battuta dei biancorossi.

Completamente diverso il secondo set: il Fenerbahce sbaglia tantissimo in attacco sin da primo pallone e la Lube dilaga subito: 6-0 con Cester, 8-1 con Sander (che viaggia al 70% in attacco), 11-3 ancora con Cester protagonista anche al servizio (suo il doppio ace del 18-7). Set già in cassaforte, i campioni d’Italia allargano ancora il divario sfruttando la battuta sempre pungente (5 ace) e i tanti errori dei turchi (8 complessivi, 25-11).

Nel terzo set prova a reagire il Fenerbahce approfittando di un nuovo calo di efficacia del servizio Lube (1-4) e anche di qualche difficoltà in ricezione (Quesque per il 6-10). Sul servizio di Stankovic ecco la rimonta biancorossa firmata da Kovar e Cester (12-13), resa vana dal muro di Tekeli e del neo entrato Yatgin che murano due volte Kovar per il nuovo break (12-17), complice un buon turno in battuta di Gladyr. La Lube prova a rientrare nonostante ancora i numerosi errori tra servizio ed attacco (8 totali): Stankovic e Sander (86% in attacco per l’amiercano) portano i campioni d’Italia a -2 (18-20), Candellaro entra per la battuta e propizia il -1 (21-22) ma non basta perché ancora Gladyr piazza un ace con l’aiuto del nastro e un altro muro (Yatgin) su Kovar chiude il set (21-25).

Lube che non vuole rischiare nel quarto set e stavolta parte forte con Stankovic a muro (sono 6 a fine gara) e i due americani decisivi al servizio (7-4 e 11-5), il turno di Sander è da vero e proprio show con tre ace e il vantaggio schizza a +6 (16-6). Strada ormai spianata per la Lube, c’è tempo per un altro ace di Cester (21-9) e per un Sander (6 punti nel set) scatenato anche in pipe: chiude Sokolov 25-13.

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 14, Candellaro, Sander 19, Marchisio n.e., Juantorena n.e., Casadei n.e., Stankovic 14, Kovar 7, Grebennikov(l), Christenson 5, Cester 13, Milan n.e., Zhukouski n.e.Storani (l) n.e.. All. Medei.

FENERBAHCE ISTANBUL: Keskin 1, Yatgin 2, Buyukgoz n.e., Sket 7, Quesque 10, Gladyr 7, Tekeli 6, Hazirol (l), Ondes n.e., Karasu n.e., Toy 9, Akdeniz n.e., Unver 1, Karatas (l). All. Besic.

ARBITRI: Ryabtsov (Rus), Maroszek (Pol).

PARZIALI: 25-22 (29’): 25-11 (20’); 21-25 (28’); 25-12 (23’).

NOTE: 2030 spettatori, incasso: 21.384,00 Euro. Lube: 22 battute sbagliate, 12 aces, 9 muri vincenti, 66% in ricezione (34% perfette), 64% in attacco. Istanbul: 16 b.s., 3 aces, 8 m.v., 37 in ricezione (14% perfette), 41% in attacco.

LUBE+

Blum

Ejecuciones de puertas de madera

Lube Environment

Lube es servicio

Encimeras antibacterianas y ecológicas

Investigación e innovación

Trabajos a medida

UltraClean y MicroStop

Uso y Mantenimiento