^

VIBO VALENTIA ESPUGNA IL FONTESCODELLA AL TIE BREAK

Il tie break stavolta è fatale per la Lube Banca Marche, che dopo l’impresa europea di Cuneo manca il riscatto in campionato rimediando con Vibo Valentia la quarta sconfitta consecutiva in Regular Season, davanti a 1340 irriducibili spettatori del Fontescodella che hanno risposto presente sfidando il freddo e la neve pur di stare vicini ai propri beniamini. La partita Il tecnico di casa Giuliani lascia a riposo l’acciaccato Podrascanin schierando Pajenk, e la scelta produce subito buoni frutti. E’ infatti il centrale sloveno a scavare subito, col proprio servizio, un buon gap per i maceratesi (4-1, un ace), vantaggio che assume maggiore consistenza quando successivamente è il capitano Omrcen a portarsi sulla linea dei nove metri (2 ace, 8-2). Gioca sul velluto Macerata, che in attacco fa male dalle bande, ed a poco serve la comunque apprezzabile reazione dei calabresi che dall’11-16 risalgono fino al 21-23 appoggiandosi sulla buona di Klapwijk (7 punti) e Diaz (4). Nel finale il palcoscenico è tutto per Savani, autore (come Omrcen) di ben 7 punti e soprattutto dei due attacchi che chiudono il parziale sul 25-21. Stessa trama in avvio di secondo set, in cui i soliti Omrcen e Savani mettono costantemente sotto pressione la ricezione della Tonno Callipo , che va sotto 5-11 ma trascinata da Diaz fa registrare l’ennesima reazione d’orgoglio, stavolta decisiva. I calabresi acciuffano la parità a quota 19 grazie agli errori dei maceratesi (attacco out Parodi per il 18-19) ed alla concretezza di Klapwijk (altri 5 punti), Giuliani spedisce allora in campo Kovar per Parodi ma l’ottimo Nikolov (4 punti) mura Omrcen per il break del 22-20. Subito annullato dalla Lube Banca Marche, che però nel finale continua a sbagliare in serie (ben 7 in attacco) regalando letteralmente il set alla Tonno Callipo. E’ l’errore di Omrcen a fissare il 24-26. Macerata fatica e non poco anche nel terzo set (resta in campo Kovar), al cospetto di una Vibo che invece ha ritrovato fluidità di gioco ed è facilitata dalla buona efficacia del muro (5 vincenti). Giuliani cambia la diagonale d’attacco inserendo Monopoli e Van Walle (poi tornerà Omrcen), ma è Coscione a dettare i ritmi della partita, sfruttando al massimo l’efficacia di Klapwijk (4 punti e 100% sarà l’Mvp, 4 e 80% per Cernic) ed i continui errori della Lube (15-11 dopo l’attacco out di Savani, poi 19-14). Finisce con un muro su Omrcen, che fissa il 25-17. Nel momento più difficile della gara i padroni di casa (con Travica di nuovo in campo) ritrovano fiducia e concretezza in tutti i fondamentali, soprattutto a muro dove è anche l’ottimo Kovar a farsi valere. Suo anche l’ace del 14-7 che chiude ben presto nella cassaforte biancorossa la parità e dunque il tie break, anche perché stavolta sono i calabresi a concedere qualcosa agli avversar (4 errori diretti in attacco)i. I maceratesi vincono 25-13, ma perdono Stankovic per un contusione al pollice della mano destra (dentro Podrascanin). Il quinto set è una battaglia di muscoli e di nervi (giallo a Omrcen per proteste), che la Tonno Callipo vince 18-16 grazie al servizio di Diaz, vanificando una bella rimonta dei cucinieri (dal 7-11 al 12 pari). Il tabellino LUBE BANCA MARCHE: Lampariello, Pajenk 13, Savani 28, Exiga (L), Parodi 5, Stankovic 5, Kovar 12, Monopoli, Van Walle 2, Travica 3, Omrcen 16, Podrascanin 2. All. Giuliani. TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Falsca 1, Coscione, Cernic 9, Diaz 16, Grassano 2, Rak 10, Klapwijk 23, Fanuli (L), Nikolov 6. N.e.: Serafini, Mignolo, Banderò, Barone. All. Blengini. ARBITRI: Santi (PG) – Saltalippi (PG). PARZIALI: 25-21 (29’), 24-26 (34’), 17-25 (26’), 25-13 (23’), 16-18 (23’). NOTE: Lube bs 20, ace 11, muri 6, errori 13, ricezione 54% (28%prf), attacco 52%. Vibo bs 11, ace 3, muri 12, errori 9, ricezione 48% (24%prf), attacco 47%.

LUBE+

Meccanismi Blum

Lavorazioni ante

Ambiente, Certificati e Sicurezza

Ricerca e Innovazione

Sartoria

Manutenzione e glossario

È necessario aggiornare il browser

Il tuo browser non è supportato, esegui l'aggiornamento.

Di seguito i link ai browser supportati

Se persistono delle difficoltà, contatta l'Amministratore di questo sito.

digital agency greenbubble