^

Finale Scudetto, le parole al termine di Gara 5

Dragan Stankovic: “Una partita tirata con troppi errori nei momenti importanti che hanno consegnato la gara a Perugia, potevamo giocare sicuramente ancora qualche set. Perugia ha rischiato in battuta come ci aspettavamo, facendo la differenza in quel fondamentale. Sul 2-0 non ci siamo tirati indietro ma abbiamo provato a dare il massimo a testa alta, non riuscendo però a chiudere il terzo set, bravi i nostri avversari. Ora abbiamo un altro obiettivo davanti, la Champions League, non molliamo di certo”.

Osmany Juantorena: “Ormai è andata, bisogna fare i complimenti ai nostri avversari che sono diventati campioni d’Italia. Peccato perché non abbiamo chiuso diverse free ball e contrattacchi, se regaliamo tanto a una squadra forte come Perugia diventa tutto più complicato. Non è stato un 3-0 secco come il risultato può dire, siamo stati sempre lì ma non siamo riusciti a portare a casa nemmeno un set. Ora stacchiamo la testa per un po’ e pensiamo alla Champions League”.

Giampaolo Medei: “Nel primo set la battuta di Perugia ha fatto la differenza, noi siamo partiti bene stando a lungo davanti poi ci hanno messo in difficoltà. Per il resto c’è molto rammarico perché nel secondo e terzo set ci sono state situazioni a nostro favore non sfruttate che hanno agevolato i nostri avversari. Complimenti a Perugia che ha meritato la vittoria dello Scudetto”.

Giuseppe Cormio: “C’è un po’ di rammarico per i tanti errori sulle palle che ci avrebbero portato avanti specialmente negli ultimi due set. Perugia è sicuramente una grande squadra e non possiamo dire che non abbiamo meritato: peccato però perché nelle fasi calde abbiamo commesso diversi errori e su questi dovremo ragionare in vista della Champions League, un trofeo che punteremo a vincere”.


LUBE+

Blum

Lavorazioni ante in legno

Lube Ambiente

Lube è servizio

Piani antibatterici ed eco-friendly

Ricerca e Innovazione

Sartoria

UltraClean e MicroStop

Uso e Manutenzione