Consigli rapidi

  1. Evitare il contatto diretto con fonti di calore elevato Tutte le superfici, di qualsiasi tipo di finitura, potrebbero deformarsi, bruciarsi o riportare danni se entrano in contatto con fuoco, pentole, caffettiere incandescenti, ecc. È utile per questo motivo usare sempre dei sotto-pentola o delle protezioni. Durante la cottura dei cibi si raccomanda di mantenere dentro il perimetro del piano cottura pentole, bistecchiere ecc. per evitare problemi a top, alzatine e schienali.
  2. Proteggere i mobili dalla luce diretta del sole Qualsiasi tipo di materiale se sottoposto alla luce diretta del sole può modificare in modo irregolare la tonalità del proprio colore.
  3. Accendere sempre la cappa ogni qual volta si cucina Onde evitare che i vapori e i fumi si depositino sulle superfici causando scollamenti o crepe. Le ante in legno, così come quelle ricoperte da film sintetici, reagiscono negativamente se sottoposte ad eccessi di acqua, calore e umidità che a lungo andare indeboliscono bordi e superfici. Per questo motivo l’accensione della cappa (accendere 10 minuti prima di iniziare a cucinare e spegnere 10 minuti dopo che si termina) e la sua regolare manutenzione (cambio filtri e pulizia) sono fondamentali per la durata dei mobili cucina, così come un buon utilizzo del piano cottura (sarebbe consigliabile usare pentole dotate di coperchi per contenere la fuoriuscita di vapore durante le cotture più lunghe). L’accensione della cappa è altresì importante per garantire una buona qualità dell’aria nell’ambiente cucina. Attenzione: con i piani cottura ad induzione, l’accensione della cappa è determinate al fine di contenere il fenomeno della condesazione (gocciolamento).
  4. Non aprire mai la porta della lavastoviglie subito dopo la fine del ciclo di lavaggio Occorre attendere il totale raffreddamento dell’elettrodomestico prima di accedervi: i vapori ad alta temperatura risultano infatti fortemente lesivi delle superfici circostanti (ante e top). In caso di fuoriuscita di vapori, consigliamo di riasciugare sempre con cura. Richiedere l’installazione della pellicola salva-top (disponibile per i piani in laminato) e delle fasce di protezione dei fianchi, disponibili anche per forno e ripiani, utili a salvaguardare le strutture di tutti i mobili.
  5. Evitare prodotti agressivi Evitare prodotti aggressivi, sostanze chimiche, prodotti sanitari o abrasivi (tipo in polvere), sgrassatori contenenti alcool e candeggina che potrebbero risultare corrosivi e macchiare le superfici o lasciare aloni. Molti detergenti d’uso comune, nonostante vengano promossi come multiuso, contengono sostanze aggressive (tipo alcol, cloro, candeggina, acidi vari) che il linea di massima andrebbero evitate per la pulizia dei mobili cucina. Per la pulizia ordinaria consigliamo un semplice panno umido a cui aggiungere, a fronte di macchie ostinate e tracce d’unto, un detergente neutro o specifico per le superfici da trattare. Prima dell’utilizzo di qualsiasi prodotto, in caso di dubbio, fare un test di tollerabilità in una zona nascosta.
  6. Le superfici vanno in ogni caso sempre riasciugate Non lasciare mai che si creino ristagni di acqua/umidità e in generale ristagni di liquidi su ante, strutture o top poiché potrebbero causare scollamenti in prossimità delle bordature o assorbimenti e macchie spiacevoli. Attenzione alla zona lavello: l’acqua in eccesso se non riasciugata puntualmente può deteriorare top, alzatine e schienali. A tal proposito, è molto importante che in fase di montaggio venga eseguito un lavoro di siliconatura a regola d’arte, così da assicurare un buon isolamento di piano (soprattutto in prossimità dei tagli), alzatine e schienali.
  7. Contro le abrasioni utilizzare solo panni in microfibra Per la pulizia di tutti i materiali va adoperato un panno morbido in microfibra. Evitare detergenti in polvere, raschiette e supporti ruvidi che potrebbero causare graffi e compromettere la compattezza (lucentezza o opacità) delle superfici.
  8. È molto importante che le macchie vengano tolte sempre entro breve termine Perché una volta seccate e penetrate nelle superfici (soprattutto quelle più porose) potrebbero comprometterne il colore, lasciando aloni e tracce indelebili
  9. Effettuare un controllo periodico degli elettrodomestici Così da scongiurare anomalie che potrebbero pregiudicare la resistenza dei materiali: la cappa deve aspirare correttamente. Ciò comporta una manutenzione periodica dei filtri che necessitano di essere sostituiti con regolarità secondo le indicazioni del produttore. Le guarnizioni di forno e lavastoviglie devono risultare isolanti quindi conformi rispetto alle funzioni espletate (qualora non fossero isolanti i vapori e il calore ad altissima temperatura fuoriuscenti andrebbero ad imbattersi sulle superfici circostanti rovinandole). In caso di non integrità vanno sostituite contattando l’assistenza tecnica della casa madre.
  10. Contro segni e rotture è consigliabile usare protezioniProteggere le superfici orizzontali più esposte ad usura (in prossimità del lavello e del piano cottura, gli spazi dedicati alla preparazione dei cibi) con protezioni tipo sotto-pentola o taglieri. Non salire in piedi sul top. Attenzione alla caduta accidentale di oggetti sia sulle superfici orizzontali che su quelle verticali. Oggetti appuntiti o taglienti possono arrecare segni e rotture.

È necessario aggiornare il browser

Il tuo browser non è supportato, esegui l'aggiornamento.
Di seguito i link ai browser supportati

Se persistono delle difficoltà, contatta l'Amministratore di questo sito.
digital agency greenbubble